TEST Ecomod di Innovabox - Parte 1: prime impressioni e montaggio

Categoria: ACCESSORI
Pubblicato Sabato, 04 Aprile 2015 15:47
Scritto da Matteo "ufo" Bucchi
Visite: 3203

Test ecomod di Innovabox by ecoAutoMoto

In un precedente articolo, vi abbiamo parlato della centralina Ecomod di Innovabox per la riduzione dei consumi. Vi avevamo anche promesso di provarla... E l'abbiamo fatto! Continuate a leggere se volete sapere tutto su Ecomod, dal montaggio iniziale alle impressioni finali. Se, invece, volete solo conoscere la risposta alla domanda "Vale la pena comprarla?", la risposta è... Dipende! Non vi resta che proseguire la lettura..

Alla fine di ottobre 2014 abbiamo montato la centralina Ecomod di Innovabox e per circa 4 mesi l'abbiamo testata. Il test è stato effettuato su una Opel Corsa 1.3 ecoFlex diesel del 2010 con circa 90.000 chilometri. Si tratta di un modello recente e già ottimizzato per quanto riguarda i consumi (come ricorda, appunto, il termine "ecoFlex"). La prova per la centralina è quindi senza dubbio impegnativa, il primo interrogativo che sorge spontaneo è: "può una centralina aggiuntiva ottimizzare i consumi meglio di quanto sono riusciti a fare gli ingegneri della Opel"? Il test ci ha aiutato a rispondere a questa domanda.

Cominciamo dall'inizio e parliamo del montaggio. La prima impressione è molto buona. La confezione è solida ed il design azzeccato. La centralina ha un aspetto solido ed i materiali utilizzati appaiono di buona qualità. Nella scatola troviamo anche un connettore specifico per il modello di auto, delle fascette di fissaggio ed un manuale di istruzioni. Seguendo quest'ultimo, il montaggio può essere facilmente eseguito in autonomia e senza ricorrere ad un professionista. Chi scrive l'articolo ha provveduto di persona a montare la centralina, nonostante non abbia grandi conoscenze tecniche. In pratica, sulla Opel Corsa tutta l'operazione si riduce a: smontare il coperchio del motore (semplicemente tirandolo verso l'alto essendo montato a pressione), individuare il flute del common rail (che, come spiegato nelle istruzioni di montaggio, è un sottile tubo metallito che attraversa tutta la testata del motore), scollegare un connettore, collegare quest'ultimo alla centralina e collegare il nuovo connettore fornito con Ecomod al flute. Su altri modelli di auto l'operazione dovrebbe essere pressocché identica.

Una volta montata la centralina è necessario girare la chiave (senza accendere il motore) e regolare il "setting" della centralina (un numerino che dipende dal modello di auto e può essere trovato sul sito web di Innovabox). L'operazione può essere fatta semplicemente premendo su due freccette che accendono e spengono dei led fino al numero desiderato. Esiste un altro pulsante che può essere premuto per passare dalla modalità "estate" alla modalità "inverno" e viceversa. Questa impostazione migliora ulteriormente i consumi tenendo conto delle variazioni di temperatura stagionali e deve essere modificata un paio di volte all'anno. A questo punto, ho provveduto a fissare la centralina. Ho deciso di legarla con una fascetta al tubo dell'airbox, ma avrei potuto incollarla con del nastro biadesivo (suggerisco quello spessorato per evitare fastidiose vibrazioni).

A causa della lunghezza "non convenzionale" dell'articolo rispetto agli standard del nostro blog, abbiamo deciso di dividerlo in due parti. Per proseguire con la seconda parte, con le conclusioni sulla centralina e sui consumi, clicca qui.