L'auto del futuro: ecologica e connessa. Tutte le novità e tendenze

Categoria: CONCEPT
Pubblicato Domenica, 24 Maggio 2015 13:18
Scritto da Francesco Valente
Visite: 2933

Giugiaro Namir

Come immaginate le macchine del futuro? Molti film fantascientifici hanno immaginato le automobili del futuro volanti, ma ancora oggi non siamo arrivati a questo. L'industria dell'automotive però si sta impegnando a migliorare sempre di più non solo le performance dei motori, ma soprattutto i comfort che un'auto provvista d'innumerevoli gadget può offrire.
Questa vera e propria mania per le macchine si è resa evidente al CES (Consumer Electronics Show) 2015 che si è svolto a Las Vegas e ha mostrato il meglio della tecnologia sulle auto dei più grandi colossi automobilistici ma anche del web.

Le auto del futuro e il rispetto per l'ambiente
Non è solo una questione di progresso pensare a delle auto provviste di gadget o che si guidano da sole, ma è anche una necessità dettata dalle leggi di diversi stati, che impongono di abbassare le immissioni di gas nocivi per l'ambiente.
Nei prossimi anni in U.S.A. circoleranno auto che sfruttano maggiormente la potenza cinetica del carburante, quindi non percorreranno più 12 km con un litro, ma almeno 20. Ecco quindi che anche in previsione di una tutela delle risorse fossili e dell'ecostostenibilità, le auto sono state progettate in chiave ibrida, o comunque elettriche o a idrogeno. Basti vedere questa lista per consultare il listino delle auto ibride del 2015!

Wi-fi, touch screen e Bluetooth
Sono le parole chiave su cui ruotano la maggior parte dei gadget che sono stati mostrati al CES 2015. Uno dei gadget più richiesti infatti è il controllo del mezzo attraverso il sistema computerizzato di bordo. In molte auto già oggi la plancia che si trova nella parte centrale del cruscotto ha caratteristiche futuristiche, a cominciare dal GPS integrato. Il passo in avanti è quello di controllare l'auto con un computer, appunto touch screen, e avere le informazioni necessarie durante la marcia, oppure collegarsi a internet con il 4G LTE, così da usare in modo multimediale non solo il navigatore, ma anche la posta elettronica, dettare documenti, accedere ai social network, senza per questo avere distrazioni alla guida.
Già oggi con il Bluetooth si può parlare al cellulare in stereofonia rispondendo da un pulsante collocato sullo sterzo o comunque ascoltare i messaggi che arrivano sul cellulare con la lettura automatica in vivavoce. L'Audi per esempio ha portato a conoscenza del pubblico un tablet dal quale si possono gestire tutte le funzioni dell'auto attraverso una connessione Bluetooth. Anche in Italia il fenomeno dei gadget per le automobili si è imposto a tale punto che vengono espressamente richiesti alle case automobilistiche, che hanno creato un vero e proprio merchandising ufficiale che va dal portachiavi alla tazza: basti vedere i siti famosi di merchandising ufficiale anche delle case automobilistiche come Merchandising Plaza, per trovare tazze originali dedicate ai grandi marchi tra cui i più noti del mondo delle automobili.

Auto intelligenti
Per facilitare la vita dell'automobilista la Ford ha messo a punto un sistema intelligente per trovare parcheggio più facilmente. Ha dotato l'auto di micro videocamere con sensori che riescono a riconoscere un parcheggio libero e la sua posizione geografica nella zona dove si trova l'auto. Il meccanismo funziona grazie a un database che contiene delle immagini condivise della posizione geografica e riesce a individuare gli "spazi liberi" inviando i dati necessari. Per trovare facilmente il parcheggio sarà sufficiente scaricare una app sviluppata in base alle esigenze del caso. Si risolverà così uno dei più grandi problemi degli automobilisti in città.

Auto che non hanno bisogno del conducente
Una delle sfide più ambite è l'auto senza conducente. A questo puntano colossi come Google, Audi e Mercedes, che hanno messo a punto dei prototipi che funzionato appunto senza il bisogno di un autista.
Proprio in funzione di questa novità hanno pensato a delle forme che si adattato alla stessa assenza del conducente, ripensando il design dell'auto del futuro, con più spazio per i passeggeri che potrebbroe viaggiare comodamente uno di fronte all'altro. Google ha svolto un ruolo pionieristico in tal senso ma subisce la concorrenza della Mercedes che con il suo prototipo F015 potrebbe essere un valido antagonista. L'Audi invece ha provato un modello che ha percorso 700 km per le strade di Palo Alto in California senza il benché minimo intervento della presenza umana a bordo dell'auto.
Oltre a Google che si è cimentato nel mondo dell'automotive, anche un altro colosso dell'informatica come NVIDIA ha presentato il suo nuovo modello, il SoC Tegra X1. La particolarità di questa auto è quella di apprendere la guida grazie ai sensori montati sulla scocca. Un sistema per "insegnare" alla propria auto a essere "indipendente".