PSA e la nuova ibrida urbana EU-Live

Categoria: CONCEPT
Pubblicato Lunedì, 11 Dicembre 2017 14:08
Scritto da Jona Hoxhaj
Visite: 914

PSA EU-Live, auto ibrida urbana

In linea con il piano di finanziamenti Horizon 2020 varato dalla Commissione Europea per sostenere economicamente i progetti di ricerca e innovazione in Europa dal 2014 al 2020, anche il gruppo francese PSA, di cui fanno parte Citröen, DS, Peugeot e Opel, si è attivato, mostrando al pubblico in anteprima una piccola auto ibrida pensata per il traffico cittadino, ad emissioni molto ridotte. Si tratta ancora di un concept, denominato EU-Live (Efficient Urban Light Vehicle). Il prototipo vede la collaborazione tra PSA e Continental per gli pneumatici, la divisione Samsung per il vano batterie, insieme ad altri 9 tra società ed istituti di ricerca.

Nasce così la piccola ibrida urbana, appartenente alla categoria dei mezzi L5 (tre ruote), in grado di superare i 45 km/h e viaggiare anche in autostrada. Perciò l’ibrida PSA sarà guidabile con la patente e, nonostante le sue dimensioni molto contenute (larga soli 85 cm e lunga 240 cm), non è guidabile dai minori di 18 anni. La cabina di guida è simile a quella di una normale vettura, con un volante con airbag, cinture di sicurezza e due veri sedili disposti in fila. La particolarità di questa piccola ibrida sta nella rotazione delle portiere verso l’alto, che la rende maneggevole e pratica anche in spazi molto angusti e nella presenza di pneumatici da motocicletta, che la rendono inclinabile in curva.

Il sistema di propulsione riprende il monocilindrico a benzina 42 CV di uno scooter Peugeot, affiancato da due motori elettrici integrati nelle ruote posteriori, che garantiscono percorrenze fino ai 70 km in tratti urbani. Fuori città si attiva il motore a benzina, sopra i 70 km/h, fino a un massimo di 130 km/h, facendo crescere l’autonomia complessiva, al valore dichiarato di circa 300 km. Le batterie sono ricaricabili anche senza fili. Il veicolo è dotato di un sistema che lo mantiene sempre in piedi, per il quale la PSA ha depositato tredici brevetti, senza spiegarne il funzionamento.

La svolta sostenibile di PSA è dovuta alle pressioni del socio cinese Dongfeng che ne detiene il 14% delle quote. Nel 2019 in Cina usciranno ben due ibride plug-in. Nonostante ciò, il numero uno di PSA, Tavares, non sembra nutrire una grande fiducia nella mobilità elettrica, tecnologia che lui definisce non così verde come tutti amano presentarla. Tavares ha sintetizzato che le sue perplessità sono dovute al riciclaggio delle batterie, all’utilizzo intensivo di metalli rari o alle radiazioni elettromagnetiche, problemi che non hanno trovato ancora spazio nel dibattito pubblico. Anche per questo motivo, i piani a batteria di PSA sono meno giganteschi rispetto a quelli della Renault, dei gruppi americani e di quelli tedeschi. Il gruppo prevede di presentare sul mercato “soltanto” cinque modelli a zero emissioni tra il 2019 e il 2021.