Nelson Piquet Jr domina la gara di Mosca della Formula E

Categoria: GARE
Pubblicato Domenica, 07 Giugno 2015 21:29
Scritto da Matteo "ufo" Bucchi
Visite: 1325

Podio di Formula E a Mosca

È stata per Nelson Piquet Jr una facile vittoria quella dell'ePrix di Formula E di Mosca, segnata da una grande partenza dal secondo posto in griglia, che lo ha presto portato al comando della gara sfruttando il lento avvio del poleman Vergne. Piquet, per nulla impensierito dagli avversari, ha raggiunto ben 5 secondi di vantaggio su questi a 15 giri dalla fine, margine ridotto a 2 secondi, dopo aver deciso di risparmiare l'energia immagazzinata sulla sua Spark-Renault. Prestazione, la sua, che richiama quella di Long Beach di due mesi fa, in cui ha anche emulato un record datato 1980 di Nelson padre.

A completare il podio il brasiliano Lucas Di Grassi e lo svizzero Sebastien Buemi. Quest'ultimo sarà poi penalizzato, cedendo il terzo posto a Nick Heidfeld. Con questi risultati, la classifica vede al primo posto proprio Piquet, con 128 punti totali, seguito da Di Grassi, staccato di 17 lunghezze a 111 punti, e Buemi, a 105 punti. Particolarmente agguerrita la lotta per il titolo, con l'ultima doppia tappa di Londra (una gara sabato 27 giugno e l'altra domenica 28) che si prevede molto emozionate. Proprio Di Grassi, reduce dalla squalifica di Berlino, è particolarmente motivato a riprendersi la prima posizione, anche alla luce dell'inaspettato successo di Piquet in Russia.

Tornando alla gara, ancora poche soddisfazioni sono arrivate per l'Italia. I due portacolori italiani Jarno Trulli e Vitantonio Liuzzi sono arrivati, rispettivamente, 20esimo e 22esimo, fuori dalla zona punti (in classifica hanno totalizzato solo 15 punti il primo e 2 il secondo). Tuttavia, considerati i numerosi ritiri delle gare precedenti, è già una buona notizia che entrambi i piloti siano riusciti a tagliare il traguardo.

Riguardo alla penalizzazione subita da Buemi al termine della gara di Mosca, i commissari di gara hanno rilasciato un comunicato in cui affermano che la manovra incriminata è l'unsafe release in occasione della ripartenza dal cambio macchina, quando lo svizzero ha incrociato Nick Heidfeld. I commissari, ritenendo pericolosa la manovra, hanno assegnato al pilota del team e.dams Renault una sanzione di 29 secondi sul tempo di gara (equivalente ad un drive-through).