La Formula E riparte dalla Cina ed è subito dominio Renault

Categoria: GARE
Pubblicato Domenica, 25 Ottobre 2015 21:09
Scritto da Matteo "ufo" Bucchi
Visite: 1144

Formula E di Pechino 2015, vince Buemi

Che la Renault faccia sul serio con le auto elettriche si era capito da un po'. Con la sua gamma Z.E. (Kangoo, Twizy e Zoe), la casa francese è massivamente presente sul mercato. Ma Renault non si risparmia nemmeno in pista. Dopo il mondiale perso per un soffio nell'anno inaugurale della Formula E (vinto da Piquet Jr del team NEXTEV TCR Formula E Team), quest'anno il team e.Dams Renault ha iniziato con la massima determinazione. E Buemi, che ha perso il mondiale per un solo punto, è certamente desideroso di rifarsi.

Il secondo anno della Formula E è iniziato sabato 24/10/2015 in Cina, sul circuito cittadino di Pechino. A farla da padrone è stato lo svizzero Sébastien Buemi che con la sua monoposto francese ha conquistato la pole, il giro veloce e la gara, non lasciando spazio agli avversari! Ben 11 secondi, infatti, lo separano dal secondo classificato, il brasiliano Lucas Di Grassi, anch'egli in cerca di riscatto dopo il terzo posto nella classifica piloti dello scorso anno (con appena 11 lunghezze a separarlo dal campione del mondo). Completa il podio Nick Heidfeld del Mahindra Racing Formula E Team.

Anche l'altro pilota della Renault ha ottenuto un buon piazzamento durante le qualifiche, segno della grande professionalità del team francese, non a caso vincitore del titolo squadre nell'edizione passata. Stiamo parlando del francese Nicolas Prost, partito secondo al via dopo aver fatto segnare un tempo in qualifica appena 2 decimi peggiore del poleman Buemi. Heidfeld, terzo miglior tempo, è stato, invece, staccato di ben 1 secondo! Nonostante il buon piazzamento in griglia, Prost è stato vittima di un cedimento dell'alettone posteriore mentre si trovava in lotta per il terzo posto proprio con Heidfeld. Alla fine il francese non ha terminato la gara. Da segnalare anche il quarto posto di Loic Duval ed il quinto di Jérome D'Ambrosio, alfieri del team Dragon Racing.

Abbiamo parlato del dominio incontrastato di Buemi e del terzo posto di Heidfeld ai danni di Prost, con Di Grassi secondo dopo essere partito in quarta posizione. Ma è significativa anche la pessima performance di Piquet Jr, il campione del mondo uscente. Il brasiliano ha tagliato il traguardo per ultimo, con ben 2 giri di distacco dal primo! Nemmeno le qualifiche erano andate meglio, vedendolo sempre relegato in ultima posizione.

Nemmeno per l'Italia ed i tifosi italiani ci sono state buone notizie. Il team di Jarno Trulli, che vede impegnati alla guida il pilota italiano Vitantonio Liuzzi ed il messicano Salvador Durán, non è nemmeno riuscito a partecipare alla gara. Colpa di problemi burocratici! Alcune componenti della monoposto del team italiano sono state, infatti, trattenute dalle autorità doganali e, nonostante la proroga temporale per sottoporle alle verifiche tecniche ufficiali, non sono state rese disponibili entro i tempi massimi.