Ania annuncia un calo per Rc auto e moto

Categoria: LEGGI E BUROCRAZIA
Pubblicato Mercoledì, 30 Novembre -0001 01:00
Scritto da Francesco Valente
Visite: 149

Le assicurazioni continuano a scendere: è quanto confermato dai dati forniti dall'Ania, "Associazione nazionale imprese assicuratrici", riguardanti lo scorso mese di dicembre; il ribasso del costo dell'Rc auto è stato del -6,3%, che in valore assoluto significa una riduzione in media di 29 euro. La statistica riguarda la maggior parte delle assicurazioni italiane (circa l'85%) e smentisce i dati divulgati dall'associazione Konsumer, che aveva parlato sì di ribasso ma in percentuali decisamente minori, quantificabili in un -1,6%. In sostanza, il premio che in media è stato pagato dagli italiani per la copertura Rc Auto è diminuito.

Il calo complessivo delle polizze è iniziato in maniera graduale e alla riduzione hanno contribuito in modo determinante anche le polizze online; sono numerosi, infatti, i siti nei quali è possibile effettuare confronti fra diversi preventivi Rc e siti informativi specializzati che si occupano di polizze di diverse categorie di veicoli. Un esempio è il sito assicurazioniescooter.com, un portale dedicato interamente al mondo delle assicurazioni per i veicoli a due ruote, dalle assicurazioni temporanee per lo scooter, alla comparazione di preventivi e a tanto altro ancora.

Nell'arco di un anno, fra 2013 e 2014, l'Rc Auto è divenuta più economica e le assicurazioni sono scese da 463 euro a 434 euro, un calo dunque di 29 euro. Un dato che ha confermato la flessione cominciata già nel 2013, quindi complessivamente in due anni il premio medio per l'Rc Auto è sceso di 62 euro. In calo pure i premi medi per auto, moto e ciclomotori: il primo ha fatto registrare una diminuzione del -5,6% nel giro di un anno, il secondo è calato del -3,4% e il terzo del -2,3%. Di tale ribasso si può approfittare in maniera particolare se si vuole cambiare assicurazione.

L'abolizione del "tacito rinnovo" per quanto riguarda l'Rc Auto, infatti, consente ai consumatori di cambiare assicurazione - trovandone una più economica - in pochi minuti. Sul web nel giro di pochi anni si sono diffuse le polizze online, che non solo offrono prezzi concorrenziali ma garantiscono la possibilità di gestire la propria Rc Auto direttamente da casa, di fronte al proprio computer o anche attraverso dispositivi mobili. Fra i tanti danni procurati dalla crisi economica, dunque, si intravede anche qualche aspetto positivo che consentirà in futuro di spendere meno rispetto a quanto avveniva nel periodo pre-crisi.

L'aumento delle tariffe assicurative nel quinquennio precedente al 2013 è stato un paradosso che ha progressivamente spinto i consumatori a ridurre l'utilizzo dei mezzi privati, facendo diminuire anche l'acquisto di moto e auto nuove. La speranza è che il ribasso dei costi assicurativi contribuisca a ridare slancio ad uno dei settori messi maggiormente in difficoltà dalla crisi economica globale. Al calo delle tariffe ha contribuito anche una maggiore flessibilità delle offerte e, in maniera indiretta, pure la crisi stessa.

Un minor utilizzo di mezzi privati, infatti, è coinciso con una circolazione inferiore e dunque una diminuzione significativa del numero di sinistri. Parte del merito, inoltre, va attribuito anche ai nuovi criteri normativi, più rigorosi per quanto riguarda il risarcimento di danni lievi alla persona, che ha ridotto il rischio di truffe al quale erano esposte in passato le compagnie assicurative. Insomma, la strada intrapresa è quella giusta ma i risultati ottenuti finora non sono ancora sufficienti per risollevare un settore che ha pagato più di altri il prezzo della crisi.