Velivoli a propulsione ibrida? Con P2M ora sono una realtà

Categoria: NOTIZIE
Pubblicato Sabato, 01 Novembre 2014 19:30
Scritto da Jona Hoxhaj
Visite: 1758

Velivolo con motore ibrido P2M

Non solo auto e moto, il rispetto per l'ambiente si muove anche su altri veicoli. A partire dai velivoli, notoriamente molto inquinanti. Per essi da oggi la propulsione ibrida non è più solo astrazione. E l'ambizioso progetto è in parte iltaliano e porta il nome di Marco Marotta, il tecnico che per cinque anni vi ha lavorato. Il risultato? Un motore ibrido diesel-elettrico, prodotto dalla P2M di Verona, che vanta la più avanzata tecnologia nel settore. Dopo la nascita del progetto in terra veneta, il design del motore elettrico è stato realizzato in Israele, mentre la costruzione del propulsore diesel si deve alla partnership tra Citroën, Renault e Fiat, con l'elettronica studiata da Bosch.

Per un aereo è richiesto un surplus di energia nella fase di decollo, dato che in fase di crociera la spinta necessaria è nettamente inferiore. L'accoppiamento diesel-elettrico risulta ideale per garantire tale surplus. Non solo: questa soluzione, secondo Marotta, è possibile per il 3% dei velivoli da turismo oggi attivi e garantirebbe un risparmio di più del 30% nei consumi e nei costi.

L'Italia sarà sede di un altro importante step della realizzazione, quello riguardante i test di assemblaggio e messa in moto, che verrà effettuato a Modena. Il collaudo definitivo avverrà invece tra gennaio e febbraio in Svizzera, dati i problemi burocratici ormai noti nel nostro paese. Al termine dei collaudi - parola di Marotta - l'assemblaggio dei propulsori P2M sarà portato nuovamente in Italia.

Questi verranno montati su diversi velivoli, a seconda della potenza erogata: dall'ultraleggero Enjoy (per la versione più piccola), allo Speed Canard, aereo tedesco, per la versione più potente da 204 hp. Il mercato americano avrà invece una terza versione su cui si punterà in modo deciso. La startup veronese che ha rappresentato il cuore del progetto si erge come possibile pioniera in un settore che potrebbe rappresentare l'immediato futuro dell'aviazione.