Veicoli elettrici: che cosa succederà nel 2015?

Categoria: NOTIZIE
Pubblicato Mercoledì, 30 Novembre -0001 01:00
Scritto da Matteo "ufo" Bucchi
Visite: 1684

Alkè

Il 2014 volge ormai al termine ed è tempo di bilanci. Con il prezzo dei carburanti in continuo aumento e i temi collegati alla coscienza ambientale che guadagnano ogni giorno maggior attenzione anche nel nostro paese, il mercato delle macchine elettriche vede all'orizzonte buone prospettive per il nuovo anno. Se è vero che i veicoli elettrici occupano ancora una fetta relativamente ridotta del mercato automobilistico globale, infatti, negli ultimi due anni si è osservato un lieve ma costante aumento nelle immatricolazioni di auto e van a motore elettrico. Inoltre, ci si aspetta che nel prossimo futuro le case automobilistiche non debbano impiegare le grande quantità di risorse che fino a poco fa erano necessarie a convincere gli utenti della bontà dei loro prodotti.

Vedere circolare veicoli elettrici non stupisce ormai e la quasi totalità delle case automobilistiche offre a catalogo versioni ibride o elettriche per alcuni dei propri modelli. A questo proposito, il nuovo anno porterà diverse interessanti novità: Toyota introdurrà il modello FCV, Volkswagen presenterà le nuove e-Golf e E.Up!, ed infine Kia la nuova Soul EV. Mentre la fiducia verso i veicoli elettrici aumenta, i prezzi degli stessi diminuiscono, rendendoli ogni giorno più interessanti se confrontati con i veicoli tradizionali.

Non solo, un aiuto notevole arriverà il nuovo anno anche dalle istituzioni. Dopo l'approvazione da parte del Presidente del Consiglio, lo scorso 2 dicembre è stato infatti pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il "Piano nazionale infrastrutturale per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica", un programma importantissimo per lo sviluppo della mobilità elettrica nel nostro paese. Tale piano ha una durata di sette anni e fino al 2020 avrà il compito di potenziare il sistema della circolazione su veicoli elettrici attraverso politiche che incentivino l'acquisto di tali prodotti e attraverso il supporto economico per l'acquisto e l'installazione degli impianti di ricarica dei veicoli elettrici a livello nazionale.

Volgendo lo sguardo oltre i confini nazionali, il 2015 sarà un anno altrettanto innovativo dal punto di vista infrastrutturale. Precisamente, la prossima primavera partirà a Monaco il progetto pilota firmato BMW che vedrà la sostituzione dei tradizionali lampioni per l'illuminazione stradale con gli innovativi prototipi denominati "Luce e Carica", unità d'illuminazione rivoluzionarie dotate di connettori che gli automobilisti potranno utilizzare per ricaricare i propri veicoli elettrici. Se il progetto avrà successo, si potrà sperare in un futuro simile anche in territorio italiano.

Se per alcuni può sembrare un'utopia, forse questo scenario non appartiene ad un futuro così lontano. Grandi passi sono stati fatti negli ultimi anni e ancora molto si può sperare per il futuro. Basti pensare che Nissan ha annunciato pochi giorni fa che, a quattro anni dalla sua messa in commercio, il modello Leaf ha compiuto nel mondo il suo primo miliardo di kilometri su strada, equivalente ad un risparmio in termini di emissione d'anidride carbonica di 180 milioni di chili. Risultati come questo fanno ben sperare per il futuro, anche se la strada per la conversione ad una mobilità rispettosa dell'ambiente è ancora lunghissima. In ogni caso, sembra che a bordo di un veicolo elettrico si possa arrivare dove non ci si sarebbe mai aspettati!

Fonte: Alkè Veicoli Elettrici