La proposta di Route220: colonnine per auto elettriche in hotel, ristoranti, negozi

Categoria: NOTIZIE
Pubblicato Lunedì, 15 Giugno 2015 21:48
Scritto da Francesco Valente
Visite: 1550

Route 220 Electric Way

Uno dei problemi più sentiti nella gestione delle auto elettriche è quella legata alla ricariche delle batterie del mezzo. L’autonomia generale delle macchine, allo stato attuale, è di poco superiore ai 150 km, la successiva ricarica delle batterie è nei fatti abbastanza lenta e rende l’uso della macchina problematico, soprattutto nel caso di utilizzo del mezzo per finalità turistiche, specialmente in caso di lunghe percorrenze. In tale contesto molto interessante sembra un progetto lanciato da una start up italiana, la Route220.

L’azienda ha infatti presentato sul mercato una sofisticata applicazione che può essere sfruttata sia da dispositivi Android che da dispostivi iOS. Per mezzo dell’applicazione sarà possibile individuare le colonnine dove poter ricaricare l’auto. L’applicazione riveste un interesse turistico soprattutto perché i programmatori puntano particolarmente sul fornire l’ubicazione dei punti di ricarica, presenti all’interno dei percorsi turistici specifici.

L’App potrebbe rivelarsi un ottimo strumento di marketing per le strutture ricettive e turistiche, l’installazione di una colonnina di ricarica e l’inserimento di tale colonnina nel circuito dell'app rilasciata da Route220 potrebbe incentivare il turismo che sfrutta i mezzi elettrici e permettere di fornire un servizio aggiuntivo all’eventuale turista.

Chi utilizza il mezzo elettrico può infatti sfruttare la colonnina trovata tramite l’applicazione, e ricaricare l’autovettura, mentre riposa in una struttura ricettiva o visita un'attrazione turistica. I tempi di ricarica sono attorno alle 6 ore e uno dei problemi più sentiti in caso di ricarica fuori dall’ambiente domestico è quello di impiegare il lasso di tempo che le batterie richiedono per ricaricarsi.

Mediamente la ricarica ha costi contenuti (che vanno dall’euro ai cinque euro), il costo potrebbe essere contemplato nelle tariffe di fruizione dell’attrazione turistica, un modo di agire già molto comune nei paesi del nord Europa, e permetterebbe di intercettare un flusso turistico che secondo le stime è in costante aumento. Un upgrade, già in fase di progettazione dell’app, vede un'integrazione tra il programma e le colonnine, in questo modo l’utente finale potrà procedere alla prenotazione della ricarica e contestualmente pagare tramite il credito telefonico, il tutto tramite l’utilizzo direttamente dal telefonino o dal tablet.

Il comparto delle auto elettriche vede infatti un aumento sia in termine di mezzi venduti, sia in termini di risorse investite per la ricerca; lo scopo è quello di aumentare le prestazioni del pacco batterie e permettere così prestazioni maggiori aumentando l’autonomia garantita. I produttori dell’app hanno già stretto un accordo programmatico in Veneto, accordo che prevede l’installazione in tempi brevi di 50 colonnine di ricarica, tutte saranno ubicate accanto a luoghi di interesse e saranno individuabili tramite le indicazioni di Route220.