Google: anche le moto si guidano da sole

Categoria: NOTIZIE
Pubblicato Venerdì, 29 Agosto 2014 14:37
Scritto da Matteo "ufo" Bucchi
Visite: 1646

Google riderless motorbike

Dopo aver sperimentato con le auto senza conducente, Google aumenta la difficoltà e passa dalle 4 alle 2 ruote. Il colosso di Mountain View è già pronto per testare le moto senza pilota. Inutile dire che l'obiettivo è ancora più ambizioso, soprattutto a causa della naturale "instabilità" delle moto. Il progetto si chiama "Ghost Rider" e punta a realizzare una moto perfettamente in grado di muoversi nel traffico senza aiuto di un pilota.

Che le auto senza conducente siano un successo è fuori dubbio. Le Google Car hanno già percorso ben più di un milione di chilometri sulle strade statunitensi senza causare incidenti o problemi di alcun tipo. L'idea è quella di accompagnare i passeggeri, che sono liberi di occuparsi d'altro durante il tragitto, nel luogo desiderato. L'auto può parcheggiarsi da sola e tornare a prendere i passeggeri quando lo richiedono.

Dovrebbe funzionare in modo simile anche la moto di Google, ma i benefici sono meno chiari. Di certo il passeggero della moto non è libero di fare ciò che vuole, quindi resta il vantaggio di "farsi venire a prendere" quando necessario. Un po' come le moto degli eroi dei fumetti. Ma nella vita reale è facile parcheggiare una moto, sicuramente molto più di un'auto. Per questo alcuni temono che la moto possa trovare impiego in ambito militare, forse come "drone".

In ogni caso, Ron Medford, Direttore della Sicurezza per il programma Google Car, ha inoltrato ad inizio 2014 una richiesta scritta al Governo dello Stato della California per testare in strada la "riderless motorbike", la "moto senza pilota". Anthony Levandowski è l'ingegnere a capo del team che ha creato il prototipo della moto Google.