L'elettrico BMW e le smart grid

Categoria: TECNICA
Pubblicato Martedì, 11 Agosto 2015 16:12
Scritto da Jona Hoxhaj
Visite: 1986

Ricarica BMW i3

L'avanzamento verso una maggiore consapevolezza e una logica smart si sta compiendo. Per esempio, in California, più sei smart e più guadagni. È quanto è stato proposto ai clienti californiani della BMW i3, attraverso l'esperimento iChargeForward, presentato al CES di Las Vegas e messo in pratica in collaborazione con il partner Pacific Gas & Electric Company. Per 18 mesi, gli utilizzatori dell'elettrica tedesca potranno accedere a speciali offerte sulle ricariche di energia.

Basterà posticipare il rifornimento delle batterie quando sarà richiesto dalla Pacific, per permettere di alleggerire la rete durante i picchi di richiesta energetica. Si tratta di una vera e propria operazione di "peak shaving", ossia di uno smussamento dei picchi di domanda attraverso l'utilizzo di energia in momenti ove è meno richiesta, di un bilanciamento dei flussi di corrente che allegerisce la rete. Il ritardo richiesto, secondo gli accordi, varia tra qualche minuto a un'ora e viene comunicato al cliente attraverso un'app dedicata. Ovviamente quest'ultimo ha la facoltà di declinare, consapevole che la sua scelta incide sui premi previsti. Gli utenti saranno pagati in buoni sconto da mille dollari. A questi si possono aggiungere fino a 540 dollari, a seconda della qualità e della quantità dell'impegno dedicato.

Con un passo importante come questo, lo sfruttamento della smart grid diventa sempre più pieno. Armonizzare i flussi energetici è fondamentale per poter garantire sempre un'adeguata disponibilità di energia a tutti gli utenti connessi alla rete elettrica. Nella sola California sono presenti 56.000 vetture elettriche. Gli utilizzatori di queste sono figure chiave verso uno sfruttamento intelligente dell'energia, passo fondamentale e indispensabile che non può più essere rimandato.