Primo giro per MotoE sul tracciato di Losail (video)

Categoria: GARE
Pubblicato Venerdì, 23 Marzo 2018 12:19
Scritto da Matteo "ufo" Bucchi
Visite: 2423

Simon Crafar su MotoE a Losail

Più per fini di marketing che per ragioni tecniche, prima della partenza del MotoGP del Qatar ha sfilato sul circuito di Losail il prototipo per la MotoE. Si tratta della Ego Corsa, la moto proposta dal costruttore unico Energica, che fornirà 18 moto ad altrettanti piloti mondiali. Partenza ufficiale prevista nel 2019; per maggiori informazioni sul Campionato di MotoE potete leggere questo nostro precedente articolo.

Tornando all'evento in terra mediorientale, pochi minuti prima dell'accensione del semaforo che ha dato il via alla prima gara del massimo campionato motociclistico mondiale, la Ego Corsa si è presentata sulla linea di partenza cavalcata da Simon Crafar. L'ex pilota della Classe 500 (una vittoria, un secondo ed un terzo posto in carriera), ora commentatore per la televisione neozelandese, ha percorso un giro di prova in sella al prototipo italiano, riportando sensazioni molto positive.

In realtà, Crafar non ha spinto molto, non conoscendo né la moto né il circuito, ma è comunque rimasto molto impressionato dall'accelerazione della moto, fluida e progressiva. Le prestazioni in generale sono sembrate all'esperto pilota più che sufficienti per competere, mentre su altre caratteristiche ha ricordato spesso come il prototipo si avvicini di più ad una moto stradale piuttosto che ad una moto da pista. In particolare, la frenata è debole, anche a causa del peso delle batterie, che causano inoltre una certa perdita di agilità. Tuttavia, il giudizio finale è che c'è un grosso margine di miglioramento lavorando sullo sviluppo, con particolare attenzione alla diminuzione e redistribuzione dei pesi.

Infine, riportiamo due curiose (quanto prevedibili) dichiarazioni di Crafar: "la cosa più strana è che cercavo costantemente il cambio che non c’è. In percorrenza è perfetta e l’accelerazione è simile a quella di una 600", aggiungendo poi una considerazione sul sound: "in futuro il peso delle batterie diminuirà sicuramente, annullando ogni aspetto negativo, tranne il suono che è meno emozionante. Ora hanno bisogno solo di un pilota per trovare le geometrie giuste". Riportiamo in fondo all'articolo un paio di video, contenenti sia estratti del giro di prova che le impressioni di Simon Crafar. E voi cosa ne pensate? Scrivetelo nei commenti!